Tempo stimato per la lettura: 1 minuto, 1 secondo

Siete qui: Home » partito democratico »

Primarie per i parlamentari: un po’ di concretezza, per favore

Tempo stimato per la lettura: 1 minuto, 1 secondo

000 Le primarie per i parlamentari si faranno. E questa è già una notizia (qui le chiediamo da almeno un paio d’anni). Lunedì ...

Tempo stimato per la lettura: 1 minuto, 1 secondo

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Le primarie per i parlamentari si faranno. E questa è già una notizia (qui le chiediamo da almeno un paio d’anni). Lunedì la direzione nazionale specificherà meglio le modalità del voto. C’è un problema: con molta probabilità la consultazione si terrà il 29 e il 30 dicembre. In pieno clima di festa catalizzare l’attenzione mediatica risulterà molto complicato. E il tutto andrà probabilmente a discapito della partecipazione elettorale. Dato il mio amore per il pragmatismo, credo però sia giusto ricordare che, se le Politiche si svolgessero il 17 febbraio, le uniche due date disponibili per le primarie sarebbero proprio quelle di fine anno, visto che per legge le liste vanno presentate entro il 34° giorno precedente al voto (14 gennaio).

Quali sarebbero le alternative? La prima, da scartare subito, è rinunciarvi. La seconda, invocata da molti, è quella del voto online. Mettendo un attimo da parte le responsabilità di chi non si è preso cura di “far trovare pronta la macchina all’occorrenza”, non mi pare che il PD, al momento, abbia i mezzi adatti per un simile tipo di consultazione. Sperando che la dirnaz lunedì opti per primarie aperte (che dico: apertissime), non resta dunque che organizzare e pubblicizzare il tutto con il maggior impegno possibile. 
Senza lamentarsi, che non serve assolutamente a nulla.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Restiamo in contatto

Puoi seguirmi su Twitter e mettere un sulla mia pagina Facebook o restare aggiornato abbonandoti (gratis) al feed . Puoi inoltre iscriverti alla mia newsletter inserendo il tuo indirizzo di posta elettronica.

E-mail


  • claudio

    Bene. Dove devo registrarmi?

  • simo

    Ma non si poteva votare online così si risparmiavano i soldi dei gazebo? Ragazzi, quanto siamo indietro

  • Non è semplice. Bisognava pensarci prima, in ogni caso

  • Ipsed

    Meglio di niente!

  • Sveglia

    Certo primarie apertissime a 2 € a voto che sommato agli altri 2 € delle precedenti fanno 4€ e sommate agli altri 2€ di coloro che vivono in una regione che andrà al voto fanno un totale di 6 € a persona per esercitare un diritto democratico sancito dalla costituzione. Non male considerando quanto già hanno incassato di rimborsi elettorali

    Ma è giusto pagare per esercitare un legittimo diritto ?

    Ma dove finiranno tutti questi denari raccolti che solo per le primarie di coalizione ammontano a 10 milioni di €uro ? Nessuno si è espresso in proposito tranne per dire che quelli ai seggi erano tutti volontari che lavoravano GRATIS e allora ? Perchè 2 € per una scheda elettorale che è costata si e no pochi centesimi ?

    A quanto pare il PD ha trovato un altro modo per far tirar fuori quattrini alla gente che poveretta oramai pur di aver voce in capitolo sarebbe disposta a tutto visto lo schifo che ci circonda !!!

  • Per curiosità: chi ti ha detto che ci vorranno 2 euro per le primarie per i parlamentari? Da quello che si sa fino a questo momento chi ha votato alle primarie nazionali non dovrà pagare nulla. E poi non mi pare che 2 euro siano questo grave furto. Anzi.

© Powered by Ma2 per Pietro Raffa | Cookie

Scroll to top