Siete qui: Home » partito democratico »

Esito delle consultazioni non risolutivo. Il Partito Democratico ha bisogno di un vero leader

Una scelta difficile che difficilmente terrà a freno le componenti del Partito Democratico più in rotta con questa governabilità a vista.

bersani-dimette

Tempo stimato per la lettura: 1 minuto, 37 secondi

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+6Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

La gestione della fase post-elettorale sarebbe complicata per qualunque candidato costretto a fare i conti con un ridimensionamento del proprio partito, derivante da un inaspettato responso delle urne. Lo sarebbe, in particolar modo, se quel partito arrivasse primo, ma di un soffio. Epperò la differenza tra il vero leader e un qualunque politico emerge in queste occasioni. Si palesa nella volontà di rischiare, invece di rintanarsi. Nella capacità di scegliere con lungimiranza un percorso da seguire, senza cambiare continuamente rotta.

Pier Luigi Bersani, per dimostrare di essere un vero leader, a partire dalla sera del 25 febbraio avrebbe dovuto dichiarare di essere completamente a disposizione del Presidente della Repubblica, mostrando senso dello stato e fiuto politico. E avrebbe dovuto farlo convintamente, facendo così percepire agli italiani che il partito di cui è segretario desiderava mettere gli interessi del paese davanti a ogni altra cosa.

Così non è stato: il candidato di “Italia Bene Comune” ha dapprima inseguito il Movimento 5 Stelle, nonostante la profonda diversità di vedute, sottolineata peraltro sistematicamente in campagna elettorale, e la certezza di non ricevere un voto di fiducia per la formazione del governo, ma soltanto pesci in faccia. Ha successivamente perso del tempo preziosissimo durante la fase delle consultazioni, aprendo quasi all’ultimo istante a “tutte le forze parlamentari”.

Fino ad arrivare alla giornata di oggi in cui, dopo un lungo colloquio con il Presidente Napolitano, non ha ricevuto l’incarico pieno. È la fine di un percorso: Bersani è stato un buon presidente di regione, un ottimo ministro, un onesto segretario. Mai un leader. Dopo i risultati figli di una campagna elettorale basata sulle rassicurazioni e nulla più, in cui il Pd ha puntato a parlare solo ai suoi, Bersani avrebbe subito dovuto prendere atto di essere unfit in quel ruolo. Non l’ha fatto, insistendo sul tocca a noi.

Prendiamone atto: al Partito Democratico serve un vero leader. Al Paese, in una fase critica come questa, serve un vero leader.

Ve lo chiedo con il cuore: fate presto.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+6Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Restiamo in contatto

Puoi seguirmi su Twitter e mettere un sulla mia pagina Facebook o restare aggiornato abbonandoti (gratis) al feed . Puoi inoltre iscriverti alla mia newsletter inserendo il tuo indirizzo di posta elettronica.

E-mail


  • Marco

    Commento moooolto partigiano, fin troppo evidente.
    Bersani mi pare che si sia messo a disposizione del Paese, il Pd è stato il partito più votato e aveva il compito di cercare di fare un Governo.
    Se non ci riuscirà la palla tornerà a Napolitano, ma sostenere che Bersani ha fatto gli interessi del partito e non del Paese è una balla clamorosa che serve solo a chi spinge per lanciare Renzi (fin troppo facile da capire)
    I leader in questo paese sono Grillo, Berlusconi… fate voi. Questo paese ha bisogno cambiare il sistema di informazione, di cambiare mentalità, usi e costumi costruiti in questo ventennio e più durante il qualee si sono nascosti i problemi reali dell’Italia e ci si è illusi che una persona sola potesse essere risolutiva.

© Powered by Ma2 per Pietro Raffa | Cookie

Scroll to top