Tempo stimato per la lettura: 1 minuto, 12 secondi

Siete qui: Home » partito democratico »

Vogliamo ascoltarli i cittadini, o no?

Tempo stimato per la lettura: 1 minuto, 12 secondi

010 Sfogliando l’ultima indagine dell’Istituto Tecnè (settembre 2012), ho avuto conferma di quanto i cittadini sentano distante la classe politica italiana. E si ...

Tempo stimato per la lettura: 1 minuto, 12 secondi

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Sfogliando l’ultima indagine dell’Istituto Tecnè (settembre 2012), ho avuto conferma di quanto i cittadini sentano distante la classe politica italiana. E si tratta di un sentimento trasversale, come potrete notare dallo schema sottostante. Tra le domande poste, vi era infatti anche la seguente:

Solo il 12% degli intervistati risponde di non essere d’accordo, mentre il 74% pensa che i partiti non tengano conto della volontà di iscritti e militanti. Tutto ciò alimenta sempre più la sfiducia che caratterizza questa fase politica. E tutti devono sentirsi chiamati in causa, compreso il Partito Democratico, che pur trovandosi in una situazione migliore rispetto a tutti gli altri competitor, vede il 61% dei propri elettori convinto di non essere ascoltato.

Come rimediare? Rispondendo alle richieste dei cittadini, in modo da cancellare in loro la convinzione di parlare con un muro ogniqualvolta portino le proprie istanze dinanzi alla classe politica. Operando ovviamente una selezione, perché non tutte le richieste vanno accolte (ciò non dipende ovviamente da chi porta un’istanza, ma da cosa viene richiesto).

Per questo sostengo che i sondaggi sul gradimento personale vadano bene, per carità, e in questa sede sono il primo a riportarne di tutti i tipi. Ma qui c’è bisogno d’altro. Se la politica vuole riguadagnare credito agli occhi dei cittadini, deve coinvolgerli con continuità, non una tantum.
Si scelga il metodo più opportuno, l’importante è che si inizi a farlo prima possibile.

Qui l’indagine completa –> http://www.t-mag.it/wp-content/uploads/2012/10/PRIMARIE-E-PARTECIPAZIONE.pdf

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Restiamo in contatto

Puoi seguirmi su Twitter e mettere un sulla mia pagina Facebook o restare aggiornato abbonandoti (gratis) al feed . Puoi inoltre iscriverti alla mia newsletter inserendo il tuo indirizzo di posta elettronica.

E-mail


  • bafio

    il 12% è di quelli che mangiano grazie ai partiti ?

  • Mi pare un po’ tantino 😀

© Powered by Ma2 per Pietro Raffa | Cookie

Scroll to top